LA FOTOGRAFIA
TI RACCONTA MONDI

Adobe Project Nimbus

Adobe rivela Project Nimbus per errore: sarà il Lightroom nel Cloud

  • 157
    Shares
Adobe rivela Project Nimbus per errore: sarà il Lightroom nel Cloud
5 (100%) 1 vote

Adobe ha già annunciato, alla MAX conference del 2016, la realizzazione di Project Nimbus. Si tratta di un nuovo editor di foto in style Lightroom, ma più semplice e cloud-based. Il suo compito dovrebbe essere quello di eseguire azioni anche complesse sulle foto in modo semplice e lineare.

Fino a qualche giorno fa non c’erano ulteriori informazioni relative al progetto. Poi improvvisamente in qualche account Adobe Creative Cloud in lingua francese, è apparso un pulsante per scaricare il Project Nimbus con la dizione “Internal Only”.

L’anticipazione non programmata è stata prontamente corretta da Adobe in poco tempo. In un comunicato ufficiale si parla di una condivisione avvenuta per errore e che ha interessato solo un piccolo gruppo di clienti di Creative Cloud

Adobe Nimbus download
Adobe Nimbus download

Il rilascio ufficiale è previsto entro una non meglio specificata fine del 2017, ma da ciò che è trapelato è chiaro che il servizio ormai è in una fase di sviluppo avanzata e definita.


Best Seller in evidenza

libri sulla luce più acquistati Dicembre 2017

Esposizione fotografica

di Jeff Revell

La magia della luce

di Susan T. Hitchcok e J. Richardson

Adobe rivela Project Nimbus per errore: sarà il Lightroom nel Cloud
5 (100%) 1 vote

Non stupirebbe se a breve verranno fornite dichiarazioni ufficiali relative all’effettiva disponibilità del software per tutti.

Abobe Nimbus

L’idea alla base di Project Nimbus è quella di avere un editor e organizzatore di foto che salvi e elabori immagini direttamente nel cloud. Le modifiche sono non distruttive e il lavoro può essere portato avanti indifferentemente da desktop oppure da app mobili.

Adobe Nimbus controlli
Adobe Nimbus controlli

La possibilità di utilizzare file RAW in Nimbus è la chiave per comprenderne meglio le ambizioni e le specificità. Anche per la natura dei file RAW, lo storage fornito all’applicazione arriverà molto probabilmente a raggiungere 1TB, ben oltre i 20GB attualmente disponibili per gli altri servizi.

Un’ulteriore interessante caratteristica di Nimbus sarà quella di consentire una classificazione delle foto in base al soggetto. Il software dovrebbe essere capace di generare categorie e tag in base al soggetto rappresentato. Questa caratteristica renderebbe molto agevole lavorare su archivi molto grandi e complessi attraverso una elementare funzione di ricerca.

Adobe Nimbus ricerca
Adobe Nimbus ricerca

L’interfaccia dovrebbe essere anche molto semplice e intuitiva ma capace di fornire tutte quelle possibilità di editing che altri software di questo livello possiedono.

In definitiva Nimbus dovrebbe seguire le orme di quello che è accaduto a Aperture di Apple. Trasformato in Apple Foto, Aperture ha perso gran parte della sua originaria complessità, per fare in modo di arrivare a un pubblico ben più vasto di quanto non poteva accadere in precedenza.


Best Seller in evidenza

fotocamere più acquistate Dicembre 2017


Adobe rivela Project Nimbus per errore: sarà il Lightroom nel Cloud
5 (100%) 1 vote

La manovra ha avuto l’effetto non desiderato che Foto è stato abbandonato da molti che lo utilizzavano per scopi professionali. Questo è accaduto in quanto le sue potenzialità professionali si sono notevolmente ridotte nel passaggio a Foto.

In conclusione…

Aprirsi sempre di più a un mercato di utilizzatori non professionali, ma utenti ugualmente interessati a modificare in maniera semplice le proprie foto, è una mossa comprensibile.

Adobe Nimbus potrebbe avere, tutto sommato, una sua logica che ne giustifichi l’impegno di sviluppo e l’intento commerciale. Anche se ritengo che creare un clone a “buon mercato” di Lightroom non possa rappresentare un avanzamento professionale per chi usa questi software per lavoro.

Ma si sa, creare app che facciano della loro semplicità la loro arma vincente, di sicuro può contribuire a espandere un modello commerciale anche in altri ambiti: quello degli “utilizzatori della domenica” per comprendersi, altrimenti irraggiungibili in altro modo.

via Mac Generation

 

Commenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Concetti base della Fotografia

Un Esclusivo Regalo per Te!

Non perdere questa occasione unica. Iscriviti ora per ricevere gratis la card dei Concetti di base di Fotografia! Tutto quello che c’è da sapere per fare foto eccezionali!

NO SPAM GARANTITO! Odiamo lo Spam quanto te! I dati inseriti verranno sempre utilizzati nel rispetto della tua privacy!