LA FOTOGRAFIA
TI RACCONTA MONDI

Cassini missione su Saturno

Ode a Cassini nel giorno del suo gran finale

  • 2
    Shares
Ode a Cassini nel giorno del suo gran finale
4.6 (91%) 20 votes

Il grande giorno è arrivato. Purtroppo. La sonda Cassini si è disintegrata sulla superficie di quel pianeta lontano entro la cui orbita ha girato per oltre 13 anni. Una simbiosi perfetta, quella tra uno dei giganti del cielo e la piccola sonda creata dall’uomo.

Lanciata il 15 Ottobre 1997 insieme al gemello Huygens, Cassini ha raggiunto l’orbita di Saturno nel 2004, 1/o Luglio. E da allora non si è più mossa da lì.

Il progetto è stato realizzato dalla NASA in collaborazione con l’ESA (Agenzia Spaziale Europea) e l’ASI (Agenzia Spaziale Italiana). Alta 7 metri e larga 4, la sonda era dotata di un’antenna parabolica di circa 4 metri. Era munita inoltre di un’asta-magnetometro lunga 13 metri, 22.000 connessioni elettriche, 12 chilometri di cavi elettrici. Oltre a 82 unità di riscaldamento a radioisotopi, 16 motori di assetto (“thrusters“) a idrazina.


Best Seller in evidenza

libri sulla luce più acquistati Dicembre 2017

Esposizione fotografica

di Jeff Revell

La magia della luce

di Susan T. Hitchcok e J. Richardson

Ode a Cassini nel giorno del suo gran finale
4.6 (91%) 20 votes

La maggior parte dei sistemi che agiva sulla sonda era “ridondata“, ovvero affiancata da un analogo gemello di riserva, per evitare che guasti anche ridotti potessero compromettere l’intera missione. Se qualcosa si guastava ovviamente non poteva essere riparato in alcun modo.

Il peso complessivo di tutto ciò che è stato lanciato alla scoperta di Saturno era di 6 tonnellate. Il costo totale della missione, l’ultima del suo genere, è stato di 5 miliardi di dollari, dal lancio all’avvenuta disintegrazione.

Cassini si trovava nel 2007 a più di un miliardo di chilometri dalla Terra. I suoi segnali radio, pur viaggiando alla velocità della luce (299792,458 km/s), impiegavano circa 60 minuti per raggiungere la Terra.

Il destino della sonda gemella Huygens si è conclusa molto prima con la discesa su Titano compiuta il 14 Gennaio 2005. Cassini invece aveva un altro compito: documentare in maniera ossessiva tutto quello che riusciva a vedere da vicino da quella posizione privilegiata in cui era stata collocata.


Best Seller in evidenza

fotocamere più acquistate Dicembre 2017


Ode a Cassini nel giorno del suo gran finale
4.6 (91%) 20 votes

E la sonda è riuscita nel suo compito a meraviglia. Le immagini inviate dall’orbiter sono tante relative a Saturno e a gran parte delle sue 60 lune. Non solo. Nel corso del suo cammino ha fotografato tutto ciò a cui passava vicino: le immagini di Giove sono davvero impressionanti.

Numeri di Cassini in sintesi:

  • 453.048: numero di immagini scattate;
  • 635 gigabyte: dati scientifici collezionati;
  • 2,5 milioni: comandi eseguiti;
  • 1,43 miliardi di chilometri: distanza percorsa tra Saturno e la Terra;
  • 3.948: pubblicazioni scientifiche pubblicate;
  • 294: orbite completate intorno a Saturno;
  • 2: numeri di oceani scoperti da Cassini;
  • 6: numero di lune scoperte.

Via Nasa Cassini

Commenti


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Concetti base della Fotografia

Un Esclusivo Regalo per Te!

Non perdere questa occasione unica. Iscriviti ora per ricevere gratis la card dei Concetti di base di Fotografia! Tutto quello che c’è da sapere per fare foto eccezionali!

NO SPAM GARANTITO! Odiamo lo Spam quanto te! I dati inseriti verranno sempre utilizzati nel rispetto della tua privacy!